22.03.2019: Frutti per la Biosfera, visita in azienda a Bronte

Prosegue il progetto di educazione ambientale “Frutti per la Biosfera”, che tratta la correlazione tra agricoltura, alimentazione e cambiamenti climatici. Il progetto è realizzato dalle Giacche Verdi Bronte grazie al sostegno della Fondazione MHS e del Ministero tedesco BMU attraverso il programma EUKI. Ecco un report di una visita in un’azienda biologica con gli studenti di Bronte, scritto dalla volontaria tedesca Natalie Exner.

“Bronte, 22.03.2019 – Stamattina, insieme ai collaboratori del progetto Marco Melì e Rossella Spanò, ci siamo recati all’azienda agricola biologica di Giuseppe Rizzo a ovest di Bronte. Le classi della scuola elementare di Bronte “2° CIRCOLO DIDATTICO Plesso Sciarotta” hanno partecipato alla seconda parte del nostro progetto EUKI “Frutti per la Biosfera”. Giuseppe inizialmente ha fatto una piccola introduzione su ciò che sta coltivando nella sua azienda agricola. In seguito, abbiamo diviso gli studenti in due gruppi: uno con Giuseppe, Selver Gök (Turchia) e Cristiano Saitta (Italia); L’altro con Marco, Emir (Turchia) e me per visitare il terreno. E’ stato nostro compito insegnare ai bambini quali alberi crescono in azienda, quali sono le loro peculiarità e come si presentano nelle diverse stagioni. All’inizio Marco ha raccontato ai bambini dei peschi, che al momento erano in fiore. Ha lasciato che i bambini sentissero l’odore dei bei fiori di rosa.
Abbiamo discusso dell’importanza delle api e di altri insetti che impollinano i fiori per ottenere le pesche, siamo andati avanti e la maggior parte dei bambini conosceva i pistacchi e i mandorli. Al momento questi alberi sono senza foglie e c’erano ancora mandorli dell’anno scorso; Marco parlava di questa particolarità e di come Giuseppe si prende cura di loro. Abbiamo dato un’occhiata agli ulivi secolari e alle bellissime susine fiorite bianche. Inoltre, abbiamo guardato le piante che crescono tra gli alberi e perché Giuseppe non combatte i parassiti con i pesticidi ma utilizza altri insetti per sconfiggerli. Siamo andati ai confini dell’azienda agricola, dove si possono vedere le fattorie convenzionali dall’altra parte del fiume, e abbiamo chiesto ai bambini se possono vedere le differenze. Si sono resi conto che gli alberi di Giuseppe non sono piantati in filari precisi, e che nelle altre aziende agricole si vede solo il terreno invece di prati fioriti, alla fine siamo tornati ai peschi e abbiamo costruito alcune trappole per tenere lontani gli insetti nocivi. Giuseppe ha detto che basta riempire una vecchia bottiglia di plastica con aceto di mele e zucchero e appenderla tra i rami degli alberi. Questo è un modo davvero ecologico e totalmente privo di pesticidi. I bambini hanno quindi capito concretamente quanto sia importante sostenere chi produce senza veleni e valorizza i prodotti locali con passione e duro lavoro. Hanno davvero capito la differenza tra una pesca che viene da lontano e non si sa come è stata coltivata e una locale coltivata con metodi naturali. Sono sicura che d’ora in poi aiuteranno il nostro pianeta spingendo gli adulti a fare scelte consapevoli!

I bambini sono stati molto attenti e si sono divertiti all’aria aperta. Sono rimasta sorpresa della bella atmosfera della fattoria e di quanto lavoro ci vuole per raccogliere un frutto come una pesca. Alla fine, abbiamo fatto una piccola pausa e abbiamo fatto una valutazione finale con i bambini per il progetto mentre mangiavamo prodotti locali. Mi è piaciuto molto il tempo trascorso in fattoria e mi piacerebbe molto tornare presto alla fattoria di Giuseppe per vedere come cambiano gli alberi e come crescono i frutti”.

La realizzazione del progetto Frutti per la Biosfera è in corso

Seguici su Facebook

Aspettiamo i tuoi input!

Attendiamo le tue idee per i nostri gruppi di lavoro.
Partecipa anche tu!

testo

Promuoviamo le eccellenze locali!

Esempio: Adesivo per il Vino di Castiglione di Sicilia

testo

- Clicca qui per vedere gli adesivi già realizzati
Nuovi adesivi in fase di sviluppo!